top of page

Diritto Minorile

Studio Legale Marinoni Rosa

Regolamentazione dei figli nati fuori dal matrimonio

Nel caso in cui i genitori, non uniti in matrimonio, cessino la loro convivenza, è in loro facoltà di regolare consensualmente i rapporti genitoriali. Lo Studio Legale MLR assiste i propri clienti nel raggiungimento delle condizioni regolative della responsabilità genitoriale, affidamento della prole, casa familiare, mantenimento.

Affidamento e il mantenimento dei figli nati fuori dal matrimonio

È la domanda che, in mancanza di accordi genitoriali, il genitore di un figlio nato fuori dal matrimonio, minore di età o maggiorenne, ma non ancora economicamente autosufficiente, rivolge al Tribunale del luogo di residenza abituale del minore, perché stabilisca la misura dovuta dall'altro genitore per il mantenimento del figlio e regoli l’esercizio della responsabilità genitoriale.

Azioni di riconoscimento o disconoscimento di paternità o maternità

Il figlio, che non sia stato riconosciuto da uno o da entrambi i genitori, può agire in giudizio affinché il Tribunale accerti chi sia il genitore e, di conseguenza, dichiari lo status di figlio naturale riconosciuto. Tale azione consente al figlio di godere dei medesimi diritti del figlio legittimo, con conseguenze sia per il genitore, che assumerà tutti i doveri e diritti che un genitore ha nei confronti del figlio legittimo, sia per il figlio che, tra l’altro, avrà tutti i diritti ereditari e di mantenimento.

Atti di straordinaria amministrazione a favore di minori

I genitori non possono assumere iniziative di natura patrimoniale per i figli minori se non a seguito di apposita istanza proposta al Giudice Tutelare competente. I casi principali sono: accettazione dell’eredità con beneficio d'inventario; rinuncia all'eredità pervenuta al minore a seguito del decesso di uno dei genitori o di altro parente; riscossione di buoni fruttiferi intestati al minore; autorizzazione ad incassare la liquidazione (TFR) in caso di cessazione di rapporto di lavoro a causa del decesso di uno dei genitori; autorizzazione ad incassare una polizza assicurativa a favore del minore; autorizzazione a prelevare dalla banca somme intestate al minore; autorizzazione a riscuotere somme per conto del minore a causa di incidente; autorizzazione ad accettare una donazione fatta al minore; autorizzazione ad acquistare o vendere bene immobile in nome e per conto del minore.

Minore autore di reato

Il soggetto minorenne diviene imputabile all’età di anni quattordici; ciò significa che, a partire da quel momento e fino al raggiungimento della maggiore età, qualora l’individuo minorenne dovesse violare la legge penale, sarà giudicabile dal Tribunale per i minorenni competente. La materia è disciplinata dal D.Lgs. 2 ottobre 2018, n. 121 e si differenzia dalla normativa penale ordinaria principalmente per la previsione di strumenti che tutelino maggiormente il minore dal punto di vista rieducativo. E così, ad esempio, nell’ambito del procedimento penale minorile, sussiste un’apposita disciplina che prevede l’estinzione del reato nel caso di buon esito della messa alla prova. Lo Studio Legale MLR si occupa con competenza e professionalità della difesa del minore che abbia commesso un rato, anche con l’ausilio di esperti nel settore, assicurando la rappresentanza e l’assistenza dello stesso in tutte le fasi del procedimento penale.

Richiedi un preventivo

bottom of page